Le letture di Martina

Aggiornamento letture di ottobre e tbr di novembre

Here we are!

Siamo già a novembre e, a parere mio, il tempo sta passando un po’ troppo velocemente. Se penso che fra meno di due mesi è già Natale mi viene male.

In ogni caso, sono qui per aggiornarvi sulle lettura di ottobre, anche se in realtà c’è ben poco da aggiornare. Quello che ho letto questo mese lo trovate tutto recensito. Speravo di riuscire a fare qualcosa di più, ecco perché ho deciso di fare una tbr per il mese di novembre. La domanda cruciale è sempre la solita: riuscirò mai a rispettare le mie scelte?

Tra i libri che ho letto questo mese ci sono il secondo e il terzo volume della prima trilogia di Shadowhunters, Le Origini, ovvero Il principe e La principessa (di cui trovate le recensioni qui e qui). Ho poi letto Buonanotte a te di Roberto Emanuelli (recensione qui). E’ stato il mese delle alte aspettative che si sono poi rivelate un po’ più basse di quel che pensavo o speravo. Nota positiva: sono riuscita a riprendere in mano i miei adorati manga. Quindi, mi sono portata avanti con la lettura di Fruits basket e di Sailor Moon. Non appena terminerò la lettura di quest’ultimo, di cui mi mancano gli ultimi due numeri, proseguirò anche con Death Note e Le situazioni di lui e lei.

Restano indietro le letture di Anna Karenina, palesemente abbandonato, più per pigrizia, credo, che per altro, e de Il libro dei Baltimore che rientra subito nella tbr di novembre (obbligatorio direi!!).

Oltre a Dicker, per la tbr di novembre ho scelto: Ink di Alice Broadway e Ogni giorno come il primo giorno di Giorgia Penzo in cartaceo; mentre, dal Kindle, Mi sposo a New York di Cassandra Rocca, per concludere la trilogia di New York in attesa che esca il nuovo libro, Domani sarà un giorno migliore di Francesco Merlin e Tre ragazze in fuga dalla realtà di Marina Cappelli. Questi ultimi due li avevo trovati tra gli ebook gratuiti offerti da Amazon, ma non mi sono mai messa di impegno per leggerli.

Farò tutto il possibile per rispettare questa libri che ho deciso di leggere questo mese, ma non posso promettere nulla. La scadenza del contratto di lavoro si avvicina e sto cercando di concentrarmi maggiormente su quello per evitare di rimanere a casa.

Incrociate le dita per me!

A presto.

Le letture di Martina

Aggiornamento letture di settembre.

Settembre è stato un mese strano. Avrei voluto leggere molto di più, anzi avevo in programma di leggere di più, ma alla fine non sono riuscita a leggere molto. Forse poco per i miei gusti.

Eppure, come ho scritto settimana scorsa in un articolo random (che potete trovare qui), settembre è stato un mese complicato. In primis, il trasloco a cui pensare e la fine dei lavori nella casa nuova. C’è stato poi il lavoro, ho dovuto fare qualche ora di straordinario, cosa che non mi è dispiaciuta affatto perché qualche soldo in più fa sempre comodo. E, infine, mi sono rotta un piede. Purtroppo, nonostante fossi costretta a casa, la lettura inizialmente non riusciva a darmi il piacere che speravo, ovvero quello di alleggerire il peso delle ore passate chiusa in casa. Quindi, ho cominciato a rifugiarmi su Netflix e il tempo ha ricominciato a scorrere.

Quello che sicuramente non ho fatto durante il mese di settembre è stato acquistare libri. E nemmeno fumetti. Sono moooolto indietro con la lettura dei manga, li praticamente accantonati e questo mi fa un po’ sentire in colpa, ma in questo momento non mi sento in vena di riprenderli. Per quanto riguarda i libri, invece, mi ero promessa e ripromessa che non avrei speso un solo euro per l’acquisto di libri, anche perché questo mese mi sono spuntate un paio di spese impreviste.

Ma passiamo subito a quali libri ho letto questo mese.

Dunque… prima lettura del mese è stata The Chemist – La Specialista di Stephenie Meyer, lettura in collaborazione con Francesca, di cui prima o poi riusciremo a far uscire la recensione, ma ancora non sappiamo bene quando. Ho, poi, letto Ogni respiro di Nicholas Sparks, di cui potete trovare la recensione qui. Quest’ultimo romanzo di Sparks devo dire che non mi ha troppo entusiasmata. In seguito, ho letto L’angelo della serie Shadowhunters – The Infernal Devices di Cassandra Clare (recensione qui) e Arrivano i pagliacci di Chiara Gamberale di cui leggerete la recensione prossimamente.

Infine, lettura ancora in corso, in quanto richiede un certo tipo di impegno, è Anna Karenina di Lev Tolstoj. Per questo romanzo, conto di prendermela con molta calma: mi sono fatta, infatti, un programma di lettura; ma non appena lo avrò terminato vi dirò cosa ne penso. Per ora pensieri super positivi!

Stay tuned!