Le letture di Martina

Marchiati o intonsi?

Di nuovo, sono riuscita a scegliere un libro che mi ha rapita.

Titolo: Ink

Autore: Alice Broadway

Editore: Rizzoli

Anno: 2018

Pagine: 374

Trama: immagina un mondo in cui ogni tua azione, ogni evento della tua vita ti viene tatuato sulla pelle, perché tutti lo possano vedere. Immagina se avessi qualcosa da nascondere…

Non ci sono segreti a Saintstone: dall’istante in cui si nasce, successi e fallimenti vengono tatuati sulla pelle, così che tutti possano vederli e giudicarti, come un libro aperto. E proprio un libro i morti diventano: la pelle viene asportata, rilegata e consegnata ai familiari, come antidoto all’obbligo che è ancora più temibile della morte. A patto che le pagine della vita superino il giudizio del consiglio: in caso contrario il libro viene gettato alle fiamme, e con lui il ricordo di un’intera vita. Quando l’amato papà muore, Leora, sedici anni, è convinta che il giudizio su di lui sarà pura formalità, e invece si rende conto che l’uomo nascondeva dei segreti, ma che di segreti ne cela anche il Consiglio…

La mia opinione: è una di quelle recensioni che devi scrivere di getto, non appena finisci il libro. Non perché hai paura di dimenticare dei dettagli, ma perché senti soltanto il bisogno di parlarne a più non posso.

Ink è uno di quei libri che quando finisce hai subito bisogno di leggere il seguito, perché ti lascia talmente in sospeso che non puoi pensare di proseguire la tua vita senza sapere come andrà avanti la storia. Scritto molto bene, l’autrice è in grado di coinvolgere il lettore e di trascinarlo all’interno della storia, di farlo sentire parte dello stesso sistema. Una storia intricata, piena di misteri, bugie e segreti, da cui la protagonista cerca di venirne fuori.

Passo dopo passo si osserva la veloce crescita di una ragazzina a cui viene strappata via la possibilità di una vita normale.

Voto: 5/5

Le letture di Martina

Aggiornamento letture di ottobre e tbr di novembre

Here we are!

Siamo già a novembre e, a parere mio, il tempo sta passando un po’ troppo velocemente. Se penso che fra meno di due mesi è già Natale mi viene male.

In ogni caso, sono qui per aggiornarvi sulle lettura di ottobre, anche se in realtà c’è ben poco da aggiornare. Quello che ho letto questo mese lo trovate tutto recensito. Speravo di riuscire a fare qualcosa di più, ecco perché ho deciso di fare una tbr per il mese di novembre. La domanda cruciale è sempre la solita: riuscirò mai a rispettare le mie scelte?

Tra i libri che ho letto questo mese ci sono il secondo e il terzo volume della prima trilogia di Shadowhunters, Le Origini, ovvero Il principe e La principessa (di cui trovate le recensioni qui e qui). Ho poi letto Buonanotte a te di Roberto Emanuelli (recensione qui). E’ stato il mese delle alte aspettative che si sono poi rivelate un po’ più basse di quel che pensavo o speravo. Nota positiva: sono riuscita a riprendere in mano i miei adorati manga. Quindi, mi sono portata avanti con la lettura di Fruits basket e di Sailor Moon. Non appena terminerò la lettura di quest’ultimo, di cui mi mancano gli ultimi due numeri, proseguirò anche con Death Note e Le situazioni di lui e lei.

Restano indietro le letture di Anna Karenina, palesemente abbandonato, più per pigrizia, credo, che per altro, e de Il libro dei Baltimore che rientra subito nella tbr di novembre (obbligatorio direi!!).

Oltre a Dicker, per la tbr di novembre ho scelto: Ink di Alice Broadway e Ogni giorno come il primo giorno di Giorgia Penzo in cartaceo; mentre, dal Kindle, Mi sposo a New York di Cassandra Rocca, per concludere la trilogia di New York in attesa che esca il nuovo libro, Domani sarà un giorno migliore di Francesco Merlin e Tre ragazze in fuga dalla realtà di Marina Cappelli. Questi ultimi due li avevo trovati tra gli ebook gratuiti offerti da Amazon, ma non mi sono mai messa di impegno per leggerli.

Farò tutto il possibile per rispettare questa libri che ho deciso di leggere questo mese, ma non posso promettere nulla. La scadenza del contratto di lavoro si avvicina e sto cercando di concentrarmi maggiormente su quello per evitare di rimanere a casa.

Incrociate le dita per me!

A presto.

Le letture di Martina

Aggiornamento letture di luglio

Ahimè, il mese di luglio è finito. Ci resta ancora agosto e poi possiamo quasi dire addio all’estate. Nonostante non riesca più a sopportare il caldo, devo ammettere che questa cosa mi mette molta tristezza.

Comunque sia, anche se a rilento, le mie letture proseguono. Purtroppo devo ammettere di non essere troppo soddisfatta dato che ultimamente stanno andando un po’ a rilento ed è più facile che mi perdo a fare giochini stupidi con l’Ipad, piuttosto che leggere. Ma è anche vero che preferisco fare ciò che mi richiede la mia mente per rilassarmi. Sembra quasi un pensiero filosofico. Quasi.

Quindi, vi aggiorno subito sulle letture che ho affrontato durante il mese di luglio. Cominciando dai manga, posso dirvi di aver portato a termine il nono numero sia di Sailor Moon sia di Fruits Basket, e i primi due numeri di Death Note. Purtroppo, mi sono arenata con Le situazioni di lui e lei perché non sono riuscita a recuperare il quarto volume. Tra i libri, invece, ho terminato La biblioteca delle anime, della saga di Ransom Riggs, Miss Peregrine e la casa dei ragazzi speciali, di cui potete leggere la recensione qui sul blog che ho scritto insieme a Francesca per la serie I libri di Ranuncolo. Poi, ho terminato I baci non sono mai troppi di Raquel Martos, di cui potrete leggere la recensione molto presto e La treccia di Laetitia Colombani. Quest’ultimo verrà inserito tra I libri di Ranuncolo e ne scriveremo una recensione molto presto.

Sto leggendo in questo momento Battle Royale di Koushun Takami, libro giapponese scritto alla fine degli anni ’90, che è stata poi di ispirazione per la saga di Hunger Games scritta da Suzanne Collins. Nonostante sia un libro un po’ cruento perché abbiamo dei ragazzini che si devono ammazzare fra di loro, mi sta piacendo molto. La lettura prosegue un po’ a rilento perché mi viene ancora difficile memorizzare tutti quei nomi giapponesi e la confusione è ancora molta.

Cosa ho acquistato questo mese? Tante cose. Troppe forse. Insomma, la lista dei libri che compro è sempre più lunga rispetto a quella dei libri che leggo. Dovrei darmi una regolata, ma non ci riesco. Questo mese, quindi, ho acquistato La treccia di Laetitia Colombani, Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti, Alaska di Brenda Novak, Ogni respiro di Nicholas Sparks, Ink di Alice Broadway, Uomini che odiano le donne di Stieg Larsson e La principessa di ghiaccio di Camilla Lackberg. Questo mese sono stata brava perché ho acquistato anche tre thriller e di questo sono molto soddisfatta.

Per ogni altra cosa, stay tuned! 😉