Il codice Rebecca

Titolo: Il codice Rebecca

Autore: Ken Follet

Editore: Mondadori

Collana: Oscar Bestsellers

Pubblicazione: maggio 2016

Edizione: maggio 2016

Traduzione: Patrizia Bonomi

«Quando di svegliò, ebbe per un istante l’impressione di essere di nuovo bambino, e di aver sognato la sua vita da adulto. Qualcuno gli stava toccando la spalla e gli stava dicendo “Svegliati Achmed” nel linguaggio del deserto. Erano anni che nessuno lo chiamava Achmed».

 

Devo dire che nell’ultimo periodo i libri ambientanti durante la guerra o dopo la guerra, mi piacciono molto.

Il codice Rebeccaperò non l’ho scelto per quello. L’ho comprato tempo fa perché volevo continuare la mia collezione di libri di Follet e poi è rimasto lì un po’ a riposare in libreria – mentre speravo di poterne comprare altri per fargli compagnia. L’ho ripreso in mano qualche giorno fa ed ero entusiasta, perché quello che avevo letto dell’autore fino a quel momento mi ha sempre mandato l’hype alle stelle.

Tuttavia questa lettura ammetto che ha fatto fatica a tenermi con il naso incollato alle pagine.

Siamo nell’estate del 1942 e siamo in Nord Africa, Vandam e Alex Wolff si inseguono senza conoscersi, uno un soldato e l’altro una spia. In ballo ci sono le sorti della guerra, la Germania sta vincendo, grazie alle numerose spie che ha in giro per il mondo riesce ad essere a conoscenza dei piani delle forze militari prima che questi siano effettivamente attuati. Ovviamente i piani vengono sottratti e trasmessi con attraverso una radio con l’utilizzo di un codice.

Il codice Rebecca.

Questo è il succo del libro, ovviamente nel mezzo abbiamo anche una storia d’amore che fa in modo che si crei anche un contatto emotivo con il lettore che, se non ci fosse stata, sarebbe venuto a mancare.

Rimango un po’ con le dita in sospeso adesso, perché in realtà questo libro non mi ha fatto né caldo né freddo, nonostante mi piacciano le storie sullo spionaggio, gli intrighi politici (soprattutto quando si intrecciano con quelli sentimentali) e l’avventura questo non vedevo l’ora di finirlo e di rimetterlo in libreria. Manca qualcosa di fondamentale, ma quando mi sono chiesta cosa fosse non sono riuscita a darmi una risposta, probabilmente manca qualcosa di poco oggettivo e che magari voi potrete trovare.

Un altro difetto è che è veramente troppo lento all’inizio e troppo veloce passata la metà. Il finale poi sembra essere me quando esco due minuti più tardi dal lavoro e sono in ritardo per il treno e mi trovo a correre come se non ci fosse un domani.

I personaggi: l’unico simpatico è Vandam, Alex è odioso, mentre le due donne sono trattate meno essendo personaggi secondari. Ma una è odiosa quanto Alex, l’altra è insipida, nonostante si racconti del suo passato.

Non posso che dare un 3. Non do un 2 perché sono affezionata a Follet, ma forse se lo meriterebbe anche questa volta.

Voto: 3/5

Disclaimer: a causa di una distanza geografica proibitiva tra le due editor la foto del post ritrae solo la foto di copertina del libro preso in oggetto. Il libro è stato letto in versione cartacea, ma fotografato su supporto digitale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: