La musica segreta di Parigi

Titolo: La musica segreta di Parigi

Autore: Anstey Harris

Editore: Sperling & Kupfer

Collana: Pandora

Pubblicazione: 2019

Edizione: prima edizione

Traduzione: Silvia Fornasiero

«Lo suoniamo di nuovo, più in fretta.

Gli spettatori esultano, gridano, battono le mani e i piedi.

È per questo che è stato scritto il Libertango.

Per la sfida.

Per l’aria calda, il sole intenso.

Per il ritorno degli amanti perduti.»

 

Questo libro è stato sicuramente uno dei migliori acquisti fatti quest’anno e una delle letture più belle. Sono stata colpita dalla copertina, i colori tenui e un po’ sbavati degli acquerelli attraggono subito l’attenzione, insieme al disegno di un violoncello sfumato e lo sfondo della Tour Eiffel.

Mi aspettavo un romanzo interamente ambientato a Parigi, invece Parigi è solo lo sfondo di una storia d’amore un  po’ strana, un po’ anomala; sicuramente non giusta.

La protagonista si chiama Grace, è una liutaia che vive in un piccolo paesino dell’Inghilterra e che è sempre pronta a partire per Parigi, ogni volta che David la chiama. Ma David non può chiamarla sempre, perché ha moglie e figli che lo aspettano. Così, fin da subito, anche se lentamente, si insinua nella mente del lettore che quello è un rapporto malato e che c’è sicuramente qualcosa che non quadra. Inoltre, è spontaneo chiedersi perché una donna indipendente come Grace si sia andata a infilare in un labirinto del genere. Bisogna proseguire con la storia per capire cosa c’è dietro le sue scelte, per capire il suo lavoro, per capire la sua passione.

E Grace ti fa compagnia, con la sua calma e la sua voglia di vincere il concorso a cui lo stesso David l’ha iscritta: si tratta del concorso annuale per liutai che si tiene a Cremona, culla di Stradivari. Per Grace è un sogno e grazie alla sua forte ambizione non ha dubbi che il suo violoncello sarà tra i vincitori.

Finché, qualcosa si inceppa e si rompe.

Sarà la compagnia di Nadia, una diciottenne fatta di grinta e rabbia e con la bocca piena di parolacce, e del signor Williams, un simpatico vecchietto che cerca solo un modo per rendersi utile, a rimettere in sesto Grace, a riprendere in mano i cocci della sua vita, uno per uno. Ripartire da zero, sarà l’unico modo per arrivare alla vetta.

Sono stata rapita da questa storia, dallo stile di scrittura di questa autrice, così genuino e sincero, che ti trascina per la metro di Parigi, o per le strade di Cremona, mentre in sottofondo si può ascoltare la dolce melodia di un violoncello suonato con tanta passione.

Voto: 5/5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: