Le letture di Francesca

Ninfa dormiente

Titolo: Ninfa dormiente

Autore: Ilaria Tuti

Editore: Longanesi

Collana: La gaja scienza

Pubblicazione: 2019

Edizione: prima edizione

«Uccidere la donna che si dice di amare.

Era una contraddizione in termini, quella di cancellare dalla propria vita chi la illumina, eppure accadeva ogni giorno. L’amore che si fa dramma veniva celebrato troppo spesso. A morire erano sempre le donne.

Non è amore. È possesso. Bisogno di controllo.

Donne usate, abusate, lasciate sole e condannate. Donne che non avevano riconosciuto il male, perché si trovava proprio accanto a loro. Difficile metterlo a fuoco e smascherarlo, quando possiede il volto di chi dovrebbe aver cura di te»

 

Ormai mi sono data ai thriller, ma solo quando sono di Ilaria Tuti.

Ho letto anche il secondo capitolo della storia di Teresa Battaglia e della sua squadra e, anche questa volta, l’ho divorato.

L’ho letto nei tragitti casa-lavoro, lavoro-casa e mi ha tenuta sveglia anche quando alle sette di mattina prendevo il treno e l’unica cosa che volevo fare era svenire seduta sul sedile e svegliarmi magicamente a Porta Garibaldi.

Ilaria ha fatto centro ancora una volta, i suoi personaggi prendono vita, ti sembra di conoscerli e alla fine li conosci così bene che ti sembra che siano tuoi amici.

Il commissario lo troviamo ancora più provato dalla malattia, ma sempre più resiliente. Non vuole mollare, vuole portare avanti le indagini e annota tutto convulsamente nel suo taccuino per evitare di dimenticarselo, insieme a degli indovinelli per tenere allenata la memoria.

La ritroviamo più forte di prima e, se possibile ancora più umana.

E più mamma.

Dopotutto questo romanzo ruota intorno alla figura della donna, anche come madre. Soprattutto come madre.

Ma non voglio dirvi troppo sulla trama, perché non voglio anticipare niente.

Anche il Marini che racconta è un Marini inedito, sensibile, con qualche paura che si fa fatica a gestire e superare; se nello scorso libro ci erano rimasti tanti punti interrogativi sulla sua figura, in questo andremo a trovare tutte le risposte alle nostre domande.

Viene aggiunto anche un altro personaggio, nuovo componente dalla squadra: Blanca, una ragazza eclettica e non vedente che si occupa di ricerca di tracce ematiche e non con il suo cane Smoky.

Personaggio che dovrà combattere non tanto contro i suoi limiti naturali, ma contro la percezione e lo scetticismo che gli altri hanno su di lei.

Vengono aggiunti anche altri personaggi che vanno a riempire il romanzo e che, spero, continuino a essere presenti anche nel prossimo, perché danno quel colore in più che serve per intravedere tutte le sfaccettature dei personaggi.

Il mio voto è 5 su 5, se ho imparato ad amare il thriller lo devo alla Battaglia e alla sua creatrice.

Correte a comprare il libro ragazzi e buona lettura!

Voto: 5/5

Disclaimer: a causa di una distanza geografica proibitiva tra le due editor la foto del post ritrae solo la foto di copertina del libro preso in oggetto. Il libro è stato letto in versione cartacea, ma fotografato su supporto digitale.

4 pensieri riguardo “Ninfa dormiente”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...