Morgana

Titolo: Morgana

Autore: Simon Kansara/Stéphane Fert

Editore: Tunué

Collana: Prospero’s Books

Pubblicazione: maggio 2019

Edizione: prima edizione

Traduzione: Stefano Andrea Cresti

«Mia cara, la tua lungimiranza sarà la tua rovina…ma questo regno ha bisogno di te. La tua diversità ti fa onore. Sarai una sovrana giusta ma dovrai imparare che il potere esige compromessi e sacrifici. E, nonostante tutto, non dovrai mai distoglierti da questo destino che t’appartiene: governare la Bretagna… Promettimelo»

 

Chi è Morgana?

La conosciamo come “la fata Morgana”, in tutti i miti ci viene descritta come una donna molto bella, ma spietata. Una maga nata principessa e sorellastra di re Artù.

Ebbene sì, Morgana, così come narrano le diverse leggende, è la figlia di Gorlois e Igraine – mamma anche di Artù, concepito con Re Uther di Bretagna. Alcuni miti narrano che Morgana fu cresciuta dal padre come un ragazzo per poter governare al suo posto, altri dicono che venne affidata ad un convento di suore, altri che fu presa da Merlino (che complottava con Uther) per poterle insegnare a sviluppare quelle doti magiche che aveva già dalla nascita, ma che non sapeva spiegarsi.

In tutti i racconti Morgana finisce per essere il personaggio negativo e l’antagonista diretta del fratello, non viene mai raccontata la storia dal suo punto di vista.

Bene, in questa graphic novel sì. Il personaggio principale è lei e viene raccontato un personaggio inedito, sempre negativo, ma che spiega il perché è proprio così tanto negativo. Morgana non nasce cattiva, la fanno diventare. Nasce femmina in un mondo in cui i bambini contavano qualcosa solo se maschi, nasce in un regno in crisi da una madre che non la vuole neanche vedere e che tenta di sbarazzarsene. I suoi primi anni li vive sotto l’ala protettiva del padre, gli altri alla mercè di un mago Merlino che è tutt’altro che il simpatico vecchietto che se la canta e se la suona nel film Disney.

Essendo una graphic novel ed essendo anche la prima volta che mi approccio al genere da adulta, non saprei cosa dirvi esattamente, se non che l’ho mangiato.

Tutta questa storia di Artù, della tavola rotonda, del suo non passare più dalle porte per le innumerevoli corna che la dolce Ginevra gli metteva con il fido Lancillotto, di Morgana e Merlino mi ha sempre affascinata molto, come qualsiasi mito che arriva dai paesi anglosassoni.

I disegni sono molto belli, i colori sono sul tono del freddo, molto bui e cupi. Spesso però a Morgana è legato anche il fucsia che rende tutto più vivace. Non posso assolutamente muovere critiche, mi è piaciuto molto e spero che qualcuno dei nostri lettori decida di comprare il volume una volta aver letto la recensione.

Il mio voto è 4.5 su 5.

Voto: 4.5/5

Disclaimer: a causa di una distanza geografica proibitiva tra le due editor la foto del post ritrae solo la foto di copertina del libro preso in oggetto. Il libro è stato letto in versione cartacea, ma fotografato su supporto digitale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: