Il libraio di Selinunte

Titolo: Il libraio di Selinunte

Autore: Roberto Vecchioni

Editore: Einaudi

Collana: Super ET

Pubblicazione: 2004 per I coralli

Edizione: 2007

Fu uno shock, come la luna vista dall’altra parte. A tredici anni, scappato di casa, non potevo decifrare il senso di quella lettura, ci vagavo dentro e basta, cullato, inerme, felice come al centro in un gioco sconosciuto, felice di una felicità che era insieme il vecchio e il nuovo: tutti i natali e quel che sarà.

Nel racconto di Vecchioni prende vita la piccola cittadina di Selinunte abitata da persone che hanno perso le parole. O meglio, non sanno più dargli la giusta sfumatura, si parla solo per routine. Poche parole, incisive, amene. Finché in città non arriva un libraio, un ometto descritto come piccolo, storto e incurvato che riporta il peso delle parole in città aprendo una libreria dove i libri non si vendono ma si leggono tutti i giorni alle 21.

Mi sono innamorata della figura del libraio senza nome, è come se fosse un pifferaio magico. Riporta i sentimenti e le emozioni espressi tramite le parole in una città grigia. Senza parole e senza libri si sa, spariscono anche tutte le sfumature.

Numerose sono le citazioni classiche di altri libri, che fanno intravedere qualcosa della personalità del libraio.

È un libro che parla di quello che la lettura ci può donare e di come ci possa salvare dal degrado generale dei nostri giorni. La scrittura è la tipica scrittura del maestro Roberto Vecchioni: fluida, famigliare, semplice. Si arriva a picchi più alti solo nelle citazioni che arrivano da altri libri.

È un romanzo di una settantina di pagine, si legge in mezza giornata, per questo dico che tutti dovremmo leggerlo. Per lo meno chi come noi ama leggere e da un peso alle parole.

Voto: 4/5

 

Disclaimer: a causa di una distanza geografica proibitiva tra le due editor la foto del post ritrae solo la foto di copertina del libro preso in oggetto. Il libro è stato letto in versione cartacea, ma fotografato su supporto digitale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: