Le letture di Martina

Tirando le somme di questo 2018…

Siamo, quindi, giunti alla fine di questo 2018. Quasi non mi sembra vero.

E’ stato un anno un po’ pesante, quindi sono davvero contenta che termini finalmente.

E’ arrivato, quindi, anche il momento di tirare le somme “letterarie” di questo anno.

Partiamo prima da dicembre. Dicembre non è stato proficuo come pensavo. Tra i libri letti, infatti, ci sono soltanto: Vox di Christina Dalcher di cui potrete leggere presto la recensione, scritta in collaborazione con Francesca; Hai detto trenta? di cui potete trovare la recensione qui; e Una vita sottile di Chiara Gamberale, di cui potete trovare la recensione qui. Avrei voluto portare a termine (o quantomeno proseguire) la lettura di Anna Karenina, che mi sto trascinando da diverso tempo. Vuoi o non vuoi, faccio una fatica tremenda. Non fraintendetemi: la storia mi piace un sacco, mi affascina questo mondo così diverso dal mio e il loro modo di ragionare, ma probabilmente non è il momento giusto per me, quindi ho deciso di accantonare il libro per il momento. Così, ho terminato gli ultimi giorni di dicembre senza leggere nulla di particolare, ma ne ho approfittato per portarmi avanti con i manga che avevo in arretrato da mesi.

Natale, poi, ha portato qualche libro nuovo e questo apre subito la porta della tbr di gennaio. Mi sono stati regalati i primi due volumi della quadrilogia de L’amica geniale di Elena Ferrante che non vedo l’ora di leggere e penso potrebbero far parte delle prossime recensioni di Ranuncolo, insieme a Francesca. Poi, proprio Francesca, mi ha regalato lo screen play de I crimini di Grindelwald e questo mi fa venire in mente che ancora non ho letto quello di Animali fantastici. Infine, ho ricevuto Una cenerentola a Manhattan di Felicia Kingsley, anche questo non vedo l’ora di leggerlo, proprio perché è un sacco di tempo che vorrei leggere qualcosa di questa autrice che mi incuriosisce troppo e ancora non l’ho fatto e, ultimo ma non ultimo, Come una favola di Danielle Steel.

Quindi, come dicevo, potrebbe essere all’incirca questa la mia tbr per il mese di gennaio. Speriamo di cominciare bene l’anno con delle super letture!

Sono, poi, riuscita a segnarmi il mio “best of 2018”, ovvero i libri che mi sono piaciuti di più quest’anno. L’ordine è totalmente casuale.

  • The Hate U Give, di Angie Thomas. Rientra nella mia top 3 personale di quest’anno, è stato uno dei primi libri letti e uno dei più belli che consiglio assolutamente a tutti, perché tutti dovremmo imparare un po’ più il rispetto verso il prossimo.
  • Una valigia piena di sogni, di Paullina Simons. Mentre tutti si immergevano e si immergono tuttora nella trilogia de Il cavaliere di inverno, io (da buona pecora nera) ho deciso di partire a scoprire quest’autrice da questo romanzo. Ci si aspetta una cosa e si trova tutt’altro e, come accade spesso, quello di cui più abbiamo bisogno ce l’abbiamo proprio sotto i nostri stessi occhi.
  • Dopo di te, di Jojo Moyes. Quante lacrime avete versato per Io prima di te? Ecco, la stessa cosa farete con questo secondo volume. La magia creata da quest’autrice è proprio quella di lasciare ognuno di questi tre libri come una storia a sé. E, ovviamente, far sentire la mancanza di Will ad ognuna di noi come se tutte fossimo Louis Clark.
  • Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop, di Fannie Flagg. Ronzava da anni nella mia testa il titolo di questo libro e del film omonimo e quando l’ho trovato alla Feltrinelli di Pavia non potevo di certo lasciarmelo scappare. Di una bellezza unica.
  • Tartarughe all’infinto, di John Green. Solo due parole per questo autore: lo adoro! Niente da fare, ho proprio una passione senza limiti per gli Young Adult.
  • Sempre d’amore si tratta, di Susanna Casciani. Ho atteso, e atteso, e atteso. E finalmente la Casciani ha pubblicato di nuovo. Potevo non amarlo? Anche questo rientra nella mia top 3 personale. In assoluto, uno dei più bei libri letti quest’anno.
  • Tutta la vita che vuoi, di Enrico Galiano. Secondo libro del prof più social del momento. Mi è piaciuto un sacco, ma devo ammettere che il primo, Eppure cadiamo felici, mi aveva lasciato senza fiato. E, infatti, l’avevo eletto libro migliore dell’anno 2017!
  • Il contrario delle lucertole, di Erika Bianchi. Questo romanzo, edito Giunti, aveva stuzzicato la mia attenzione mentre lavoravo in libreria. Il titolo era misterioso abbastanza da volermi spingere a leggerlo. Scelta più che azzeccata. Intrecci familiari a non finire tra Italia e Francia, una piacevole scoperta.
  • Ogni giorno come il primo giorno, di Giorgia Penzo. Quando ho visto sbucare i link sponsorizzati su Facebook, sono subito stata attratta dalla scrittura di questa autrice emergente. Una volta acquistato ho aspettato diverso tempo prima di leggerlo, ma quando l’ho fatto mi sono resa conto che mi stavo perdendo un mondo intero. Giorgia Penzo ha un modo tutto suo di entrarti in testa e nel cuore e la sua Petra non è da meno. Anche lui rientra nella mia top 3 di quest’anno.
  • Ink, di Alice Broadway. Finalmente un fantasy come si deve, che lascia con l’amaro in bocca per come finisce, perché vorresti leggere subito il seguito. E invece no, per il seguito mi tocca aspettare!
  • Vox, di Christina Dalcher. Piacevole scoperta, piacevole romanzo ambientato in un futuro apocalittico, non troppo difficile da immaginare (purtroppo!) in cui le donne sono trattate come suole da scarpe. Si legge tutto d’un fiato e tiene incollati fino all’ultima parola.

Per concludere, vorrei parlarvi dei buoni propositi che mi sono prefissata per questo 2019. Vorrei, innanzitutto, leggere almeno 50 libri: quest’anno sono arrivata a 47, non pretendo troppo, giusto un minimo. Ma soprattutto, vorrei leggere tanti classici e tanti gialli/thriller. E questo proposito va subito a scontrarsi con l’ultimo, ovvero quello di fare in modo di diminuire la lista di libri da leggere che ho casa, dal momento che non ho poi così tanti classici e gialli a casa.

Il problema, comunque, non è mai prefissarsi degli obiettivi, dei buoni propositi. Il problema è riuscire a mantenere ciò che si è detto! 🙂

Tanti auguri di felice anno nuovo a tutti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...