“Dove sei andata, Kelsea?”

ATTENZIONE: RISCHIO SPOILER!

Il titolo è necessariamente ambiguo. L’ho scelto perché è l’ultima frase del libro e perché ti lascia di stucco e un po’ persa, esattamente come il finale.

Titolo: The Fate of the Tearling

Autore: Erika Johansen

Editore: Multiplayer Edizioni

Anno: 2017

Pagine: 429

Trama: In meno di un anno Kelsea Glynn, dall’adolescente impacciata che era, è diventata una sovrana sicura di sé. Mentre maturava nel suo ruolo di regina del Tearling, questa giovane testarda e lungimirante ha trasformato il regno intero. Nel suo tentativo di eliminare corruzione e vessazioni e riportare giustizia si è fatta numerosi nemici, in patria e nei territori confinanti: il più terribile di tutti è la Regina Rossa, che non si è fatta scrupolo di rivolgere il suo esercito contro il Tearling.

Per proteggere la sua gente da un’invasione devastante, Kelsea ha compiuto una scelta incredibile: si è consegnata coi suoi zaffiri magici al nemico, lasciando il trono a Mazza Chiodata, fidato comandante della sua guardia personale, cui ha affidato il ruolo di reggente. Questi, però, non ha alcuna intenzione di arrendersi fino a quando non sarà riuscito a salvare coi suoi uomini la regina, ora prigioniera nel Mortmesne.

La mia opinione: partendo dal presupposto che in questo momento mi sento vittima del vuoto che l’aver finito di leggere una saga mi ha lasciato dentro, posso soltanto dire che le mie emozioni sono in netto contrasto tra di loro. Per cercare di spiegarmi al meglio, come ho già detto prima, rischio di fare qualche spoiler. Abbiate pietà!

Da una parte sento forte l’emozione poiché Kelsea riesce nel suo intento maggiore e mette a repentaglio tutto per una scelta che va al di là di ogni nostro possibile pensiero. Dall’altra c’è tanta tristezza, perché a causa di questa scelta Kelsea si ritrova in un mondo a lei estraneo, completamente da sola. Questo, però, è purtroppo un pensiero che non riesco a spiegare al meglio, proprio perché voglio evitare di esagerare con lo spoiler. 

Il libro riparte dove il precedente ci aveva abbandonati e già dalle prime pagine si capisce perfettamente come Kelsea sia cambiata, come il suo pensiero si sia fatto maturo ed è passata dall’essere una giovane adolescente, a tratti un po’ capricciosa (nel secondo volume diventa quasi insopportabile quando costringe Pen ad andare a letto con lei, perché divorata dal desiderio), ad essere diventata una giovane donna, le cui sembianze, per qualche strana magia, hanno preso le fattezze di Lily, la donna che le appariva in sogno.

Le visioni per Kelsea continuano, ma questa volta le raccontano altri dettagli, soprattutto le raccontano dei momenti in cui il Tearling e il sogno di William Tear ha cominciato a dirigersi verso lo scatafascio (?) in cui si trova ora.

La narrazione, come al solito, è piuttosto lenta, e questo capisco che scoraggia alcuni lettori, ma se avete un po’ di pazienza e siete amanti del genere Fantasy, io vi consiglio di immergervi in questo racconto. Anche perché aiuta anche a riflettere su molti argomenti, quali la politica, la religione e la storia. 

Ho trovato, però, alquanto discutibile la scelta dell’autrice di far morire un personaggio, a cui personalmente mi ero molto affezionata.

(Meriterebbero una punizione tutti quegli autori che si limitano ad eliminare un personaggio sfruttando soltanto l’utilizzo di due righe, senza minimamente pensare ai sentimenti del lettore. Ogni morte dovrebbe essere seguita da una pagina bianca, così ognuno avrebbe il tempo di digerire questo fatto.)

Non posso negare, però, che ho adorato questa saga perché la protagonista era una donna. Una donna che si è rimboccata le maniche e si è data da fare per sistemare le cose, arrivando persino a compiere un immenso sacrificio.

Voto: 5/5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: