Sbirciando un Kindle abbandonato…

Dunque, succede questo. Non avevo idea di cosa mettermi a leggere. In teoria, direte voi, avrei dovuto proseguire con la saga di Shadowhunters, visto anche che mi manca solo l’ultimo capitolo di The Mortal Instruments.

Eppure, non c’era verso. E anche nella libreria non c’era un singolo titolo che fosse in grado di attirare la mia attenzione. Così, ho fatto qualcosa che non facevo da tempo, ho messo in carica il Kindle e ho dato una scorsa ai titoli digitali. Ecco, cosa è saltato fuori.

Titolo: Tutta colpa del tacco 12

Autore: Amy Silver

Editore: Piemme

Anno: 2012

Pagine: 247

Trama: Lusso, champagne party e decine di scarpe tacco 12. La vita di Cassie Cavanagh è al cento per cento glamour. Una casa a Londra, un fidanzato che la ricopre di regali, e un lavoro nella City che le permette di togliersi qualche sfizio. Una vita troppo bella per essere vera. E infatti quando un giorno Cassie perde il lavoro e subito dopo viene mollata dal fidanzato Dan, il mondo le crolla addosso. Solo un’irrefrenabile pazzia può risollevarle il morale in questi casi il rimedio è uno solo: shopping sfrenato. Purtroppo però bastano poche ore di follia e lei si ritrova irrimediabilmente sul lastrico: conto corrente e carta di credito azzerati. Ora la strada è davvero in salita e Cassie deve correre ai ripari. Ma come? Ci vorrebbe una drastica inversione di rotta per ricominciare tutto da capo. E così, grazie a un manuale strategico per il risparmio, un’amica con delle idee niente affatto glamour, ma decisamente pratiche, e un aggressivo piano Ammazza-crisi, Cassie comincia a intravedere la luce in fondo al tunnel. Certo, le vecchie abitudini sono dure a morire e per Cassie passare tutta la giornata inzuppando le scarpe da tennis nel fango per portare a spasso un branco di cani inferociti – il suo nuovo lavoro – non è facile. Ma è un primo passo verso un nuovo stile di vita che le insegnerà a distinguere i veri amici e i veri fidanzati dalle false imitazioni, a riscoprire i suoi più intimi desideri e a ritrovare la felicità senza però rinunciare ai tacchi a spillo.

La mia opinione: non riuscendo a trovare qualcosa che catturasse la mia attenzione, ho aperto diversi file all’interno del Kindle e ho cominciato a leggicchiare qua e là nella speranza che scattasse qualcosa.

Quel qualcosa è scattato proprio con Tutta colpa del tacco 12.

Dunque, partiamo dal titolo. Si capisce da subito che non sarà un libro impegnativo, tanto che ero convintissima che fosse edito da Newton Compton, invece che da PIEMME.

In ogni caso, la trama, per quanto poco consistente, mi ha attirato subito e il libro è scritto, comunque, in maniera semplice e scorrevole. Mangi parole una dietro l’altra, quasi come se non ci fosse un domani. La protagonista è parecchio frivola è in qualche momento fa incavolare da morire, soprattutto quando si ostina a continuare a spendere soldi che sostanzialmente non ha. Senza contare quanto è sbadata (neanche Bella Swan di Twilight era a questi livelli!). La consistenza della trama, come dicevo prima, è ai minimi storici, ci sono buchi temporali e viene data maggior importanza a fatti superficiali che non portano a nessun tipo di conclusione, rispetto ad altri. Per esempio, c’è il principio di una storia d’amore a cui viene data scarsissima importanza, quasi come se alla protagonista non le importasse affatto.

Nel giro di qualche giorno (aiutata anche da una sufficiente quantità di neve che mi ha tenuta chiusa in casa per una giornata) ho terminato il libro che non ho intenzione di rileggere, né di mettermi a cercare la versione cartacea. Quella digitale mi basta e mi avanza.

Mi sento, però, di consigliare questo libro a chi ha voglia di una storia frivola, senza grandi aspettative, per avere qualcosa di leggero da leggere quando alla sera si torna a casa dal lavoro. 😊

Voto: 3/5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: