…e adesso?

È solo il 2 gennaio, ma ho già una nuova lettura finita. Anzi, ad essere precisi è il 3 gennaio, perché è ormai passata la mezzanotte.

La considero la prima lettura del 2018 anche se l’ho iniziata due giorni prima che finisse l’anno. Non ha senso stare lì a pensarci troppo, intanto.

È che ci sono sette miliardi di persone, al mondo.

Ma fondamentalmente si dividono in due categorie.

Ci sono quelle che amiamo.

E poi ci sono tutte le altre.

Titolo: Adesso

Autore: Chiara Gamberale

Editore: Feltrinelli

Anno: 2016

Pagine: 216

Trama: Esiste un momento nella vita di ognuno di noi dopo il quale niente sarà più come prima: quel momento è adesso.

Arriva quando ci innamoriamo, come si innamorano Lidia e Pietro.

Sempre in cerca di emozioni forti lei, introverso è prigioniero del passato lui: si incontrano.

Rinunciando a ogni certezza, si fermano, anche se affidarsi alla vita ha già tradito entrambi, ma chissà, forse proprio per questo, finalmente, adesso… e allora Lidia che ne farà della sua ansia di fuga? E di Lorenzo, il suo “amoreterno”, a cui la lega ancora qualcosa di ostinato? Pietro come potrà accedere allo stupore, se non affronterà un trauma che, anno dopo anno, si è abituato a dimenticare?

“Ti capisco e non mi spaventi.”

“Pietro, ma sei scemo? Perché mi guardi così?”

“Cambia treno.”

“Cambiare treno?”

“Parti nel pomeriggio.”

“Perché?”

“Andiamo di là e facciamo l’amore.”

“Ma chi?”

“Tu e io.”

“E quando?”

“Adesso.”

La mia opinione: ho letto questo libro al momento della sua uscita, a febbraio 2016. L’avevo apprezzato, ma non a pieno; ero consapevole di non essere riuscita a comprendere ciò che l’autrice vuole trasmettere. Da un po’ di tempo mi sono apparse immagini e pensieri su questo libro e di recente avevo letto quelli che vengono considerati i prequel, che spiegano quindi il tormentato rapporto tra Lidia e Lorenzo: La zona cieca e Le luci nelle case degli altri.

A distanza di tempo, con la voglia giusta di immergermi in un qualcosa che sto vivendo, sono riuscita ad apprezzare la bellezza di questo libro. Chiara Gamberale non si smentisce mai e anche questa volta riesce a farci vivere emozioni molto forti attraverso i suoi enigmatici, ma non troppo, personaggi, in cui alla fine è quasi inevitabile rispecchiarsi.

Succede che fra tutte le persone che corrono e si accalorano e parlano fitto al telefonino sulla metro e ti costringono a prendere atto dell’assoluta mancanza di senso, una ti convince che invece un senso ce l’hai.

Succede che fra tutte le persone senza senso, una ti pare ce l’abbia.

La storia racconta di due persone che hanno dovuto attraversare momenti difficili nella loro vita, si sono visti rifiutati, abbandonati, e quando si incontrano, però, decidono che forse è arrivato il momento di provare ad abbassare completamente le difese. Perché ci sarà sempre qualcosa di cui aver paura, ma non esiste niente di più importante che vivere il nostro adesso. Ed è sempre una grande emozione quando riusciamo a trovare qualcuno che ci apprezza per quello che siamo, con i nostri difetti e le nostre cicatrici, come parte di un intero essere. E oltre ad apprezzarci, ci ama profondamente. Tanto da aiutarci a combattere i demoni che ci portiamo dietro dal passato e che abbiamo difficoltà a lasciar andare.

Non sono pronto, nessuno lo è, in verità?, in verità ho paura, tanto ormai è successo, e quando?, adesso.

Voto: 5/5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: