Tempo di buoni propositi.

Quest’anno non posso fare altro che ritenermi soddisfatta per il numero di libri letti in un anno. In questo momento sono a quota 27.

Ultimamente ho rallentato un po’, lo ammetto. Ma mi hanno aumentato le ore a lavoro ed è davvero un periodo frenetico, come ho già detto in precedenza.

In ogni caso, con 27 libri letti in un anno ho battuto ogni mio record personale. E non è neanche ancora detto che riesca ad arrivare a 28! Ma non ho nessuna intenzione di pormi un obiettivo adesso che siamo in dirittura di arrivo di questo 2017, che è stato pieno pieno pieno di eventi ed emozioni. Per quanto mi riguarda, ovviamente.

Magari per alcuni di voi 27 libri sono un numero ridicolo, per altri invece potrebbe sembrare un numero astronomico (il mio ragazzo in primis!). A me sembra la giusta misura da cui partire per vivere immersa nella mia passione più grande.

Quello che sicuramente farò, sarà di pormi un piccolo obiettivo per il nuovo anno, cioè quello di arrivare a leggerne almeno 35. Un passo alla volta. So che non c’è tantissima differenza, ma a me piace raggiungere le vette per gradi. Poi, chi lo sa? Magari riesco ad arrivare molto più in là. Lo vedrò strada facendo. Se così fosse, proseguirò a pormi obiettivi di continuo durante l’anno.

Però, quello che mi sento di fare in questo post, è una scaletta di quello che è stato il mio 2017 in libri.

Intanto, grande successone per aver letto il mio primo grande classico e sono partita proprio da Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Divorato nel giro di qualche giorno. Non riuscivo letteralmente a staccarmi da quelle pagine. Mi avevano completamente calamitata nell’Inghilterra dell’800 e non esisteva altro.

Poi, mi sento di eleggere come libro migliore di quest’anno Eppure cadiamo felici di Enrico Galiano. Mi è capitato tra le mani per caso, mentre lavoravo e mi ha chiaramente gridato “LEGGIMI!”. Così, non ho fatto altro che seguire quella voce e l’ho portato a casa con me. E’ stata a dir poco una piacevole scoperta, un romanzo fresco, un amore adolescenziale, ma ricco di dettagli importanti che nessuno di noi, a qualsiasi età, dovrebbe mai dimenticare.

Dopo il migliore, sarebbe necessario parlare del libro peggiore. E qui mi trovo di fronte a un’indecisione. Non saprei dire quale libro ho detestato di più tra Pane al limone con semi di papavero di Cristina Campos o Passenger di Alexandra Bracken. Forse forse scelgo il primo. Sì, perché almeno del secondo posso salvare il genere Fantasy, da sempre il mio preferito. Pane al limone con semi di papavero è stata una delusione totale. Attirata dal titolo, mi ero lasciata ingannare dalla trama che sembrava accattivante. Ed effettivamente lo era. Peccato che a partire dal modo in cui è stata sviluppata fino ad ogni altra singola cosa in quel libro, mi abbiano lasciato con l’amaro in bocca che più di così non si può.

Ecco, se riguardo la mia lista di letti, l’unica cosa che si nota fortemente è la quasi mancanza totale di libri gialli. Nel 2017 ne ho letto uno solo, che mi è piaciuto tantissimo, oltretutto. Sto parlando de La verità sul caso Harry Quebert di Joel Dicker. Ecco, piccolo obiettivo per il prossimo anno: devo leggere almeno cinque libri che siano gialli o thriller. Un piccolo sforzo non guasta mai. Magari riesco anche a smettere di avere paura!

Altro obiettivo per il nuovo anno: FINIRE TUTTE LA SAGHE CHE HO LASCIATO IN SOSPESO! Prima fra tutte Shadowhunters, almeno la serie di The Mortal Instruments. E se decido di iniziare anche la serie di The Infernal Devices devo impormi di finire anche quella. Poi devo concludere la saga di Miss Peregrine, abbandonata (e adorata!!) al primo libro, così come quella di Erika Johansen, The Queen of the Tearling.

Insomma, un po’ di lavoro per il prossimo anno ce l’ho. La domanda che mi punge è: riuscirò a seguire i miei intenti e a non perdermi strada facendo?

Per scoprirlo, non vi resta che continuare a seguirmi! 😉

 

 

Per il momento, vi auguro un sereno Natale. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

Sognare tra le pagine di un libro

Se puoi sognarlo puoi farlo

live&read

Libri, le perle di saggezza

lemillestorie

"Chi legge vive mille vite prima di morire. Chi non legge mai, ne vive una sola" (R.R. Martin)

Diario di una lettrice rampante

"Un buon romanzo inizia con una piccola domanda e finisce con una ancora più grande". -Paula Fox

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

Adrenalibri

Siamo due amici con una forte passione per i libri, gli animali e le storie. Abbiamo aperto questo spazio per condividere le nostre letture e per confrontarci col mondo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: